Archivio

Archivio Febbraio 2009

La Sardegna in pasto alle iene.

17 Febbraio 2009 14 commenti


Oggi per tutti i sardi che credevano nel futuro migliore dell’isola è giorno di lutto.
La sardegna è morta.
L’intelligenza umana ,  l’umanità ,è morta.
Hanno vinto i pagliacci e le iene che ora inizieranno a mangiasi questa magnifica terra a morsi.
Ciò che mi delude sono proprio i sardi , credevo che amassero la terra in cui vivono , che la rispettassero e la volessero libera da ogni padrone. Invece , con infinità incredulità ho accolto la notizia questa mattina e non sapevo se vomitare.
Che disgusto.
Ha vinto "Berlusconi" , perché regala coglionerie, è pare che chi ha poco cervello ami le coglionerie , se ne ciba , se ne soddisfa . Si nasce servi … ci si crede furbi , ma il furbo è uno , gli altri , l’importante e che lo credano ,  poi.. se la prenderanno nel di dietro più avanti , al momento giusto. Perché le ricchezze se le spartiscono tra loro , a voi che vi siete venduti l’anima al massimo lasceranno le briciole!
Quando sarete in difficoltà , cari capellacini , di sicuro non piangerò per voi. Se griderete aiuto  neanche sentirò. Oggi  avete  rovinato la mia terra. Che Berlusconi dice sia anche la sua.Ma io lo dubito fortemente.
Comunque se si metteranno proprio male le cose , potrete andare a vivere nei "magazzini", allestirli come più vi piace , e creare inviti per tutto il mondo … non avrete più bisogno di andare al circo , se vi vogliono vedere verranno gli altri da voi.

Blog

chiuso

per lutto

Regionale.

Prosegui la lettura…

UNIDADE INDIPENDENTISTA

12 Febbraio 2009 8 commenti

Ciao ,

in questa campagna elettorale vediamo tutte le liste fare grande dispendio
di soldi e di energie per la propaganda, spot televisivi, radio, santini,
camion, sedi elettorali, addiritura volontari che lavorano per un
capitalista.

Viceversa noi di UNIDADE (coalizione tra A Manca, Sni e tanti indipendenti
come me ed altri) siamo gli unici a non possedere mezzi economici, ma
abbiamo elaborato un programma molto concreto e fatibile per la Sardegna, e
quindi utilizziamo il web per diffonderlo.
Mentre quasi tutti gli altri sono molto vaghi sui problemi e soluzioni, noi
riteniamo non solo di essere concreti, ma anche di avere il programma
decisamente più progressista.
Ti invito a leggere tutto il nostro programma, se non l’hai ancora fatto, al
sito web
http://www.unidadeindipendentista.org/programma.htm
E’ completo ma leggibilissimo. Scritto da lavoratori e lavoratrici, e da
studenti.

Parecchi amici e compagni ci fanno notare che, seppur apprezzando vivamente
la nostra scelta e il nostro programma, il pericolo delle destre li convince
a votare il centro-sinistra sardo nel timore di disperdere il voto e
favorire così il terribile vice di berlusca.

A loro ricordiamo come funziona la legge elettorale. Pochi la conoscono.
Si danno due voti: uno al governatore e uno alle liste. Non necessariamente
il secondo deve essere dato ad una lista legata al governatore.

Il voto al governatore determina chi vince, chi governerà e quindi anche la
maggioranza del consiglio. In teoria se Soru (come immaginiamo e come ben
sappiamo da due mesi) vincerà, anche se le liste del centro sinistra non
avranno la maggioranza dei voti, il centro sinistra che lo sostiene
GOVERNERA’ comunque ed otterrà la maggioranza (il 55-60% circa) dei
consiglieri. Questa è la legge elettorale. 
Se vuoi avee info più complete leggi questo
http://elezioni-blog.net/elezioni-regionali-2009-come-si-vota/

Pertanto a questi amici e compagni che vorrebbero sostenerci ma temono le
destre, possiamo dire tranquillamente di votare Soru, per battere le destre,
e la nostra lista UNIDADE INDIPENDENTISTA, per cercare di farci entrare in
Consiglio Regionale. E’ ovvio che entrare in Consiglio è il nostro massimo
obiettivo possibile allo stato attuale… siamo nati da due mesi anche se
guardiamo molto lontano…

Con questo voto si otterrebbe il risultato di schiacciare ancora di più le
destre.
Queste, infatti, perdendo, otterrebbero il 40% (circa) dei consiglieri. Ma
se contemporaneamente dovessimo entrare noi in consiglio, ed essendo la
maggioranza già assegnata al centro-sinistra, questo 40% verrebbe ridotto
dalla nostra presenza in consiglio.
Quindi paradossalmente questo voto disgiunto verso UNIDADE non toglie forza
al centro-sinistra, ma alle destre!

Per noi entrare in Consiglio significa portare quelle istanze che ci son nel
nostro programma, porre i problemi e le contraddizioni, proporre soluzioni,
magari farli passare in maggioranza sensibilizzando contestualmente il
popolo sardo. Questo è il nostro obiettivo.

Se condividi quindi il nostro programma, e se hai fugato tutti gli eventuali
dubbi in proposito alla legge elettorale, ti chiedo di diffondere la nostra
proposta ai tuoi conoscenti, amici, compaesani, parenti, compagni di lavoro,
etc etc: noi non abbiamo altri mezzi e quindi ci basiamo su questi contatti
diretti

questo il programma http://www.unidadeindipendentista.org/programma.htm
all’interno del sito nel quale ci sono anche parecchie altre informazioni
http://www.unidadeindipendentista.org/

comunque vadano queste consultazioni, il nostro progetto guarda comunque
molto lontano.

saludi et trigu
drer

Prosegui la lettura…

Per rispetto di Eluana…

8 Febbraio 2009 22 commenti

 

La penso come Antonio per quanto riguarda il caso di Eluana , è INACCETTABILE
tutte le cose che stò leggendo in giro e i falsi moralismi lasciano il tempo che trovano e mi fanno capire quanto sia lontano l’uomo dall’uomo…

Stanno usando Eluana , come dice Beppe Grillo nel suo blog "per sfiduciare la Presidenza della Repubblica. La sua funzione di controllo e di garante della Costituzione. E’ un braccio di ferro, forse un braccio di merda. Lo psiconano non vuole più nessuno che lo intralci nella sua marcia di occupazione delle istituzioni. Napolitano non ha firmato il decreto legge. Il Consiglio dei ministri allora lo scavalca con un disegno di legge identico al decreto. Dovremo ricordarci chi lo ha votato. Un giorno potremmo procedere contro di loro per attentato contro lo Stato.

Prosegui la lettura…

Categorie:Società Tag: , ,