Home > Argomenti vari > Travaglio a CheTempoCheFa (10maggio2008)

Travaglio a CheTempoCheFa (10maggio2008)

12 Maggio 2008

Profilo di Schifani tratto da Se li conosci li eviti.

Schifani Renato Giuseppe (FI)

Anagrafe Nato a Palermo l’11 maggio 1950.

Curriculum Laurea in Giurisprudenza; avvocato; dal 2001 capogruppo

di FI al senato; 3 legislature (1996, 2001, 2006).

Soprannome Fronte del Riporto.

Segni particolari Porta il suo nome, e quello del senatore dell’Ulivo Antonio Maccanico, la legge approvata

nel giugno del 2003 per bloccare i processi in corso contro Silvio Berlusconi: il lodo Maccanico-Schifani

con la scusa di rendere immuni le «cinque alte cariche dello Stato» (anche se le altre quattro non avevano

processi in corso). La norma è stata però dichiarata incostituzionale dalla consulta il 13 gennaio 2004. L’ex

ministro della Giustizia, il palermitano Filippo Mancuso, ha definito Schifani «il principe del Foro del

recupero crediti», anche se Schifani risulta più che altro essere

stato in passato un avvocato esperto di questioni urbanistiche. Negli anni Ottanta è stato socio con Enrico

La Loggia della società di brookeraggio assicurativo Siculabrokers assieme al futuro boss di Villabate, Nino

Mandalà, poi condannato in primo grado a 8 anni per mafia e 4 per intestazione fittizia di beni, e

dell’imprenditore Benny D’Agostino, poi condannato per concorso esterno in associazione mafiosa.

Secondo il pentito Francesco Campanella, negli anni Novanta il piano regolatore di Villabate, strumento di

programmazione fondamentale in funzione del centro commerciale che si voleva realizzare e attorno al quale

ruotavano gli interessi di mafiosi e politici, sarebbe stato concordato da Antonino Mandalà con La Loggia.

L’operazione avrebbe previsto l’assegnazione dell’incarico ad un loro progettista di fiducia, l’ingegner Guzzardo, e

l’incarico di esperto del sindaco in materia urbanistica allo stesso Schifani, che avrebbe coordinato con il

Guzzardo tutte le richieste che lo stesso Mandalà avesse voluto inserire in materia di urbanistica. In cambio, La

Loggia, Schifani e Guzzardo avrebbero diviso gli importi relativi alle parcelle di progettazione Prg e consulenza. Il

piano regolatore di Villabate si formò sulle indicazioni che vennero costruite dagli stessi Antonino e Nicola Mandalà

[il figlio di Antonino che per un paio d'anni ha curato gli spostamenti e la latitanza di Bernardo Provenzano, nda], in

funzione alle indicazioni dei componenti della famiglia mafiosa e alle tangenti concordate. Schifani, che

effettivamente è stato consulente urbanistico del comune di Villabate, e La Loggia hanno annunciato una

querela contro Campanella.

Assenze 321 su 1447 (22,2%) missioni 20 su 1447 (1,4%).

Frase celebre «Li abbiamo fregati!» (dopo l’approvazione della legge sul legittimo sospetto, che doveva

servire per spostare i processi contro Berlusconi e Previti da Milano a Brescia, 1° agosto 2002).

«In vacanza alle isole Eolie, Renato Schifani, in compagnia di alcuni amici, ha dovuto aspettare per un’ora

di fila che si liberasse un tavolo in un ristorante del centro di Lipari. Il capogruppo di Forza Italia a Palazzo

Madama ha pazientemente atteso il proprio turno, senza sollevare alcuna obiezione e senza pretendere un

trattamento di favore» (comunicato ufficiale dell’ufficio stampa del sen. Schifani,

15 agosto 2006 ).

«Rita Borsellino sfrutta il nome del fratello per fini politici» (12 settembre 2003).

«Sono un sessantottino, ho partecipato anch’io alle occupazioni. Sto dedicando la mia vita a lui, io credo

molto in Silvio Berlusconi (…) Mi sono innamorato di Berlusconi perché ho visto in lui quella

naturalezza e genuinità della politica che non avevo visto in passato. È un grande stratega e un grande

leader» («Libero», 29 luglio 2007 ). «Oggi Cuffaro ha ripreso saldamente in mano il timone di una

Sicilia che già è cresciuta così come i dati sul Pil e sulla disoccupazione ai minimi storici ci indicano.

Dobbiamo anche riconoscere al governatore siciliano che è stato e continua ad essere l’unico garante

della unitè della coalizione, risultato questo che, in un sistema maggioritario, è garanzia di stabilità e quindi

di quella risorsa fondamentale per lo sviluppo che è la governabilità di un territorio. Forza Italia sarà al suo

fianco in questa nuova fase di governo della Regione per sostenere quella linea riformistica che è alla base

del proprio credo politico» (dopo la condanna di Cuffaro a 5 anni per favoreggiamento, Agi, 19 gennaio

2008 ).


Video importato

YouTube Video

Tratto da http://www.voglioscendere.ilcannocchiale.it/

TUTTA LA MIA SOLIDARIETA’ A MARCO TRAVAGLIO, UN UOMO DALLA GRANDE INTELLIGENZA PRONTO A NON NASCONDERE MAI LE VERITA’ SCOMODE , IN UN PAESE DOVE IL GIORNALISMO E SERVO DEL VOLERE POLITICO, PERCHE’ LE VERITA’ NON MUOIANO , NON VENGANO OFFUSCATE DA FALSI CANDORI E BUGIE, PER CAMMINARE A FIANCO DI UN  GIORNALISMO VERO , PERDUTO…..PER COMBATTERE LE DITTATURE SCHIFOSE OGGI ,DOMANI SEMPRE

Silvana

Video importato

YouTube Video
Categorie:Argomenti vari Tag: ,
  1. 12 Maggio 2008 a 13:03 | #1

    Già letto…
    Visto in TV sabato sera…
    Lette le opinioni politiche…
    Viste ieri sera le scuse di Fabio Fazio ( forse non poteva fare altrimenti)…
    Lette nelle agenzie le opinioni e il comunicato stampa del direttore di Rai 3 e quello generale.
    Travaglio mi piace. Ogni tanto sfora nell’esaltazione completa ma ci sta, è il suo ruolo. E se cosi’ non fosse non avrebbe coraggio di dire quello che dice. Dice cose forti alcune difficili da credere poi supportate da carte e documenti… e sai come è no? Molte volte meglio tapparsi gli occhi e le orecchie pur di non ascoltare la verità perchè cara Silvana è difficile vivere in questo paese e in questo mondo avendo tutte le conoscenze del caso. Molti volte mi dico… saremmo tutti più felici nell’ignoranza e nel non sapere… :( ((
    Dico solo che ogni tanto Travaglio approfitta con consapevolezza delle occasioni sapendo benissimo di suscitare polemiche o cose peggiori sapendo benissimo che se si parla di chi non c’è e senza possibilità di replica di chi è assente sfora in un terreno minato.
    La bomba è solo all’inizio penso che scoppierà a breve… e a casa rimarranno quelli che sono già stati mandati a casa. La libertà non esiste… e se esiste è manipolata e noi sciocchi qui a farci manipolare.
    Ciao Silvana
    Basos

  2. 22 Maggio 2008 a 9:27 | #2

    Ci capita spesso di affrontare gli stessi argomenti. E con la stessa prospettiva.

    E’ un piacere leggerti e cogliere il tuo forte impegno!

  3. 26 Maggio 2008 a 16:39 | #3

    E a Travaglio che, ammiro moltissimo, va anche la mia solidarietà!

    Poi scusa si è innamorato del nano di Arcore, prima o dopo che si rifacesse il lifting ed il parrucchino…anzi trapianto tricologico…chiariamo:-)!

    Ciao Sillaba, A.

  4. 26 Maggio 2008 a 21:18 | #4

    non sempre condivido Travaglio…

    Ma in questo caso sono con lui…

    …io non avrei resistito a non dare un pugno sul naso a Sgarbi… (anche se so che cercava la rissa)…

    ciao Angel

  5. 28 Maggio 2008 a 8:03 | #5

    Credo che mai come in questo periodo la stampa italiana sia condizionta dal potere politico. Scusa se scopro l’acqua calda, ma è una realtà dura da tollerare.

    Un saluto

  6. antonio76
    2 Giugno 2008 a 21:35 | #6

    Pensa che Schifani era papà di un mio compagno di classe delle elementari. Quando era solo un avvocatucolo di palermo, il futuro presidente del senato era stato pure a casa mia!!

I commenti sono chiusi.