Archivio

Archivio Febbraio 2008

Il triste mondo in cui viviamo . . .

29 Febbraio 2008 4 commenti


"….Le Nazioni Unite e il G8  Avevano annunciato che per l’anno 2015 si sarebbe potuta ridurre la fame nel mondo ; la realtà ci parla di un totale e assoluto fallimento . Non esiste la volontà politica di farlo e ancora meno l’interesse delle imprese multinazionali di sostenere e attuare politiche di redistribuzione delle risorse.
L’ultimo rapporto della FAO è terribile : ogni giorno muoiono di fame nel mondo più di 35.000 bambini. Stiamo davvero assistendo ad un genocidio silenzioso e globale scatenato dal terrorismo economico.
Sono in pochi a denunciare questo flagello contro l’umanità . Lo aveva fatto Josuè de Castro , ex direttore della FAO , nel suo libro, La geografia della fame .
Il monopolio delle sementi , dei brevetti e il controllo sempre maggiore delle risorse alimentari nel mondo restano concentrati nelle mani di pochissime aziende , tra le quali la Montesanto , con la complicità della Organizzazione mondiale del commercio.
Non si può continuare a parlare di Africa o America Latina provando pena per quelle terre e elemosinando loro quel che avanza alla tavola dei ricchi , e nel frattempo continuare a saccheggiarle e provocare guerre e conflitti .
La grave situazione dei profughi interni , vittime delle guerre;l’uso dei bambini nei conflitti armati , nella prostituzione e nel traffico di esseri umani; l’Aids , questa malattia devastante che sta provocando migliaia di morti e contro la quale non arrivano le risorse necessarie ; le multinazionali farmaceutiche che mettono il prezzo su tutto e non riconoscono il valore dei popoli; aggiungiamoci altri flagelli come l’analfabetismo ; la situazione disumana in cui vivono molti dei popoli africani e di altri paesi del Sud , sono il risultato di politiche imposte .
L’Africa , l’America Latina , l’Asia , non sono paesi poveri , sono paesi impoveriti dal furto continuato a cui sono sottoposti .Le imprese si portano via loro , i diamanti , le risorse naturali e il sapere dei popoli ; lasciano solo miseria e disperazione . Per dominare utilizzano la repressione , il controllo della popolazione e gli eserciti privati , mercenari della guerra .
Non potremo arrivare a nulla se permangono le politiche attuali e se non si mette un freno alla devastazione e alla rapina delle imprese multinazionali .Non si può fare nulla di fronte all’ipocrisia di organismi come l’FMI , la Banca mondiale o la OMC , se non mettiamo dei limiti all’impunità e non impediamo il saccheggio dei popoli.
Hanno creato leggi sui brevetti , hanno escogitato sistemi per legalizzare l’illegale e giustificare l’ingiustificabile . Voglio ricordare che non sempre ciò che è legale è giusto e non sempre ciò che è giusto è legale .
Devo ricordare anche la grave situazione mondiale , il non riconoscimento delle risoluzioni ONU , il rifiuto di Patti e Protocolli internazionali , la prepotenza , fra gli altri , degli Usa , della Gran Bretagna e dell’Italia , i cui governanti sono responsabili di crimini contro l’umanità , che invadono paesi come l’Iraq e l’Afganistan ; torturano , violano , sequestrano e applicano quello che in America Latina è stato chiamato Plan Condor , cioè a dire : l’internazionale del terrore. Massacrano la popolazione civile mentre con grande ipocrisia parlano del terrorismo , quando loro per primi applicano il terrorismo di stato con totale assoluta impunità.
Voglio ricordare l’assassinio di Nicola Calipari , funzionario dell’intelligence italiano , artefice della liberazione di Giuliana Sgrena . E’ necessario esigere un’indagine indipendente per identificare  e punire i responsabili .
L’America Latina soffre gli stessi mali dell’Africa . Lo vediamo oggi ad Haiti , un paese devastato che sopravvive in situazioni limite , invaso e saccheggiato da governi che si dicono democratici come gli Stati Uniti , la Francia e il Canada ; un popolo sotto occupazione militare , dove le grandi imprese si spartiscono il bottino . Basti pensare che degli aiuti internazionali , che ammontano a 1.000 milioni di dollari , nulla arriva al popolo , e che al futuro governo viene imposto di accettare che le risorse vadano alle imprese straniere che costruiranno le opere convenienti per loro , ma senza gli haitiani . L’immoralità e i corrotti hanno svariate facce , sempre riconoscibili .
Le politiche imposte dal Fondo monetario internazionale , dalla Banca Mondiale , o dal WTO  ( Organizzazione Mondiale per il commercio ) , devono cambiare radicalmente perché non rispondono alle necessità dei popoli e perché quelle istituzioni sono strumenti al servizio dei grandi interessi dei paesi dominanti .
E’ necessario che i paesi del Sud si uniscano dando vita a politiche comuni e reclamino i propri diritti . La colonizzazione non è finita , semplicemente ha cambiato maschera .
Per affrontare questa situazione c’è bisogno della resistenza sociale , culturale , economica e politica dei popoli , che devono dire BASTA !
Non dobbiamo lamentarci ma promuovere nuove forme di resistenza e reclamare il diritto dei popoli all’autodeterminazione e alla sovranità .
Dobbiamo difendere il diritto e non permettere che sia oltrepassata la frontiera del possibile , prima che sia troppo tardi ."

Adolfo Pèrez Esquivel
Premio Nobel per la pace.

Tratto dal numero.93  4.2005
 Latinoamerica e tutti i Sud del mondo

Categorie:Società Tag: , , ,

Un anno di Blog!

28 Febbraio 2008 9 commenti


 

Il mio Blog ha fatto un anno
quindi devo festeggiare !!
Or vi invito in questo luogo
e vi offro da mangiare!

Parduleddasa e vinello
per quest’anno pazzerello
nel non luogo del virtuale
dove ci si può incontrare…

Condivider dei pensieri
brutti belli e anche seri
ridolosi e capricciosi
dove grafica e parola
qualche volta ci consola
nei momenti della vita
anche dopo una sconfitta…

Condividere il virtuale
in un gioco inusuale
dove anche la magia
regna sempre in fantasia..

Cari amici o conoscenti
che passate sorridenti
nel mio spazio condiviso
mando voi un caro sorriso!

Dalla terra dove vivo
or di niente io vi privo
palloncini e dolcettini
son per grandi e per piccini!

Auguratemi qualcosa
che non è cosa costosa
dopo tanto scribacchiare
fa piacere una parola,
un sorriso, un commento,
non vorrei che il compleanno
resti triste e resti spento!

Dopo tanti palloncini
dolci maschere e dolcini,
una tavola imbandita
per far voi cosa gradita
or ritorno nel reale
senza ancora vaneggiare..

Sarà stato lo spumante
il vinello impertinente
che fa scrivere burlatte
delle volte esagerate!!
OH…scusate cari blogger
se vi rubo un po’ di tempo…

Prosegui la lettura…

Categorie:Internet Tag: , , , ,

Concorso di Emozioni, 2008

27 Febbraio 2008 2 commenti


 

Comunicato Stampa

Concorso di Emozioni, 2008

Prosegui la lettura…

Categorie:Internet Tag: , ,

Nuraghe e Villaggio di Su Nuraxi Barumini

26 Febbraio 2008 3 commenti


 

Tempo fa , vi presentai "Su Nuraxi"visto da fuori con alcune fotografie che immortalavano tutta la sua bellezza , oggi visiteremo questo splendido nuraghe complesso al suo interno e gireremo per le capanne perdendoci dentro tanta meraviglia….
Buon percorso….






















Prosegui la lettura…

Cartoline dalla Sardegna Villamar

25 Febbraio 2008 3 commenti

L?invasione dell?Iraq

22 Febbraio 2008 7 commenti


  "L’invasione dell’Iraq è un atto di banditesco e lampante terrorismo di stato, che dimostra un assoluto disprezzo per il concetto stesso di diritto internazionale . L’invasione è stata un azione militare arbitraria , ispirata da bugie su bugie e da una volgare manipolazione dei media e dell’opinione pubblica : un atto inteso a consolidare il controllo militare ed economico americano sul Medio Oriente e mascherato – come ultima risorsa , visto che tutte le altre giustificazioni non sono riuscite a giustificare se stesse -come liberazione . Un formidabile schieramento di forze militari , responsabili della morte di migliaia di persone innocenti .
Abbiamo portato al popolo iracheno la tortura , le bombe cluster ,l’uranio impoverito , innumerevoli omicidi di civili , la miseria , il degrado , lo chiamiamo << portare la libertà e la democrazia in Medio Oriente >>.
Quante persone bisogna uccidere prima di poter essere accusati di genocidio di massa e di crimini di guerra ? Centomila ? Più che sufficienti , direi . Ce n’è abbastanza per portare Bush e Bleair davanti al Tribunale Internazionale di Giustizia . Bush però è stato intelligente e non a ratificato il tribunale . Perciò se un soldato americano o un politico si mette nei guai , Bush lo manda nei marine . Tony Blear invece ha ratificato il tribunale , e perciò può essere perseguito , a norma di legge . Diamo al Tribunale il suo indirizzo , semmai fosse interessato : è il numero 10 di Downing Street , Londra .
La morte in questo contesto è irrilevante . Sia Bush che Blear non danno a queste morti alcuna priorità . Almeno centomila iracheni sono stati uccisi dalle bombe e dai missili americani prima che iniziasse l’insurrezione popolare. Queste persone non sono mai esistite , ne è esistita la loro morte . Sono il nulla . Non vengono neanche registrati come morti . << Non contiamo i cadaveri >> , ha affermato il generale americano Tommy Franks .
Nei primi tempi dell’invasione , sulla prima pagina di un quotidiano inglese venne pubblicata una foto di Tony Blear che baciava un bambino iracheno . << Un bambino riconoscente >> , diceva la didascalia . Qualche giorno dopo un’altra storia e un’altra fotografia , in una pagina interna :un altro bambino di quattro anni senza braccia . La sua famiglia era stata distrutta da un missile . Era l’unico sopravissuto . << Quando riavrò le mie braccia ? >> chiese . La storia finiva lì .Beh , Tony Blear non lo teneva in braccio , né baciava ne baciava il corpo di un altro bambino qualsiasi mutilato , né quello di un cadavere qualsiasi . Il sangue è sporco . Non puoi sporcarti la camicia e la cravatta se devi fare un discorso serio alla televisione .
I duemila americani morti sono imbarazzanti . Vengono trasferiti nelle loro tombe al buio . I funerali sono riservati , fuori dalla vista del pubblico ,. I mutilati marciscono nei loro letti , alcuni per il resto della propria vita . Sia i morti che i mutilati marciscono , in tombe diverse .
Quello che segue è un estratto da un poema di Pablo Neruda , Spiego alcune cose ;

E una mattina tutto era in fiamme
Una mattina i roghi
uscivano dalla terra
Divorando esseri,
E da allora fuoco ,
Da allora polvere da sparo ,
Da allora sangue.
Banditi con aerei e mori ,
Banditi con anelli e duchesse ,
Banditi con neri frati benedicenti
Arrivavano dal cielo a uccidere bambini,
E per le strade il sangue dei bambini
Correva semplicemente , come sangue di Bambini.

Sciacalli che lo sciacallo schiferebbe,
Sassi che il cardo secco sputerebbe dopo morsi ,
Vipere che le vipere odierebbero !

Davanti a voi ho visto
Sollevarsi il sangue della Spagna
Per annegarvi in una sola onda
Di orgoglio e di coltelli !

Generali
Traditori :
Guardate la mia casa morta ,
Guardate la Spagna Spezzata :
Ma da ogni casa morta esce metallo ardente
Invece di fiori,
Da ogni foro della Spagna
La Spagna viene fuori ,
Da ogni bambino morto vien fuori un fucile con occhi ,
Che un giorno troveranno il bersaglio
Del vostro cuore.

Chiederete : perché la tua poesia
Non ci parla del sogno , delle foglie ,
Dei grandi vulcani del paese dove sei nato ?

Venite a vedere il sangue per le strade,
Venite a vedere
Il sangue per le strade ,
Venite a vedere il sangue
Per le strade !*

Desidero chiarire che citando dal poema di Neruda non sto in alcun modo paragonando la Spagna repubblicana all’Iraq di Saddam Hussein . Cito Neruda perché mai , nella poesia contemporanea , mi è capitato di leggere una descrizione così fortemente viscerale dei bombardamenti sui civili .
Ho detto prima che gli Stati Uniti ormai non si nascondono e mettono apertamente le carte in tavola . E’ un fatto. La loro politica ufficiale viene ora definita << predominio a tutto campo >> . Non sono parole mie , sono le loro .
<< Predominio a tutto campo >> significa controllo dei territori , del mare , del cielo , dello spazio e di tutte le risorse al seguito .
Gli Stati Uniti hanno oggi 702 basi militari in tutto il mondo , in 132 paesi , con l’onorevole eccezione della Svezia , naturalmente . Non sappiamo come ci siano arrivati , comunque oggi sono lì .Possiedono ottomila testate nucleari , attive e funzionanti . Duemila sono sempre in carica , pronte per essere lanciate con un preavviso di 15 minuti . Stanno studiando nuovi sistemi di attacco nucleare , noti come sfonda – bunker . Gli inglesi , spiriti collaborativi , intendono sostituire i loro missili nucleari , i  Trident.
Con chi ce l’hanno , mi chiedo ? Osama Bin Laden ? Con voi ? Con me ? Con la Cina ? CoN Parigi?  Chi lo sa ? Quello che sappiamo è che questa demenza infantile , il possesso di armi nucleari e la minaccia di utilizzarle , è la base su cui poggia al momento la filosofia politica americana . Dobbiamo ricordarci che gli Stati Uniti  sono perennemente sul piede di guerra , e non accennano affatto a rilassarsi .
Molte migliaia , se non milioni , di persone negli Stati Uniti sono stanche , umiliate e arrabbiate per le azioni del loro governo , ma , per come stanno le cose , non rappresentano una forza politica coerente , almeno per ora .Tuttavia , l’ansietà , l’incertezza e la paura che vediamo crescere ogni giorno negli Usa difficilmente diminuiranno ….
….Ritengo che , malgrado le tante contraddizioni , una determinazione intellettuale coraggiosa , incrollabile , orgogliosa , che venga dai cittadini , di definire la verità delle nostre vite e delle nostre società è un dovere fondamentale che spetta a ciascuno di noi. E’ obbligatorio .
Se questa determinazione non si incarna nella nostra visione politica , non avremo nessuna  speranza di recuperare ciò che abbiamo quasi completamente perduto : L’umana dignità."
 

© The Nobel Foundation 2005

Prosegui la lettura…

Buongiorno ( cartolina )

22 Febbraio 2008 6 commenti

Buongiorno a tutti !
..Per voi un altra cartolina …
..e se…il buongiorno
si vede dal
mattino….
emm…emm..

Prosegui la lettura…

E L’ISOLA E’ GIA’ NEL SUO FUTURO

21 Febbraio 2008 3 commenti

 

E L’ISOLA E’ GIA’ NEL SUO FUTURO

Prosegui la lettura…

Categorie:Primo piano Tag: , , ,

Messaggio di Fidel Castro _18 febbraio di 2008 _

20 Febbraio 2008 15 commenti


 

Messaggio di Fidel Castro ai cubani

18 febbraio di 2008 – 17.30 (ora di Cuba)

Prosegui la lettura…

Categorie:Primo piano Tag: , , ,

Buongiorno !!!!

20 Febbraio 2008 1 commento